Home News Sgravio triennale nuove assunzioni: recupero arretrati entro il 30 giugno

Sgravio triennale nuove assunzioni: recupero arretrati entro il 30 giugno

947
0

Nell’UniEmens del mese di maggio 2018, che i datori di lavoro privati dovranno trasmettere entro il prossimo 30 giugno, trova spazio il recupero dei benefici contributivi per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti spettante per i mesi di gennaio e febbraio 2018. La retribuzione erogata e la contribuzione dovuta per l’assunzione agevolata devono essere esposti in misura piena nella sezione individuale della denuncia, salvo poi valorizzare l’elemento incentivo con l’importo del beneficio. Come si compila la denuncia contributiva?

Lo sgravio contributivo per nuove assunzioni, introdotto in via strutturale dalla legge di Bilancio 2018 è entrato in vigore già a partire dal mese di gennaio 2018, ma i datori di lavoro che hanno posto in essere assunzioni incentivate hanno potuto inserire la relativa fruizione nella denuncia contributiva e cominciare così a fruire materialmente del bonus soltanto a partire dallo scorso mese di marzo.

Con riferimento alle assunzioni effettuate nei mesi di gennaio e febbraio, l’INPS ha previsto che è possibile recuperare l’importo arretrato dell’agevolazione già maturata, a condizione che l’esposizione in denuncia contributiva sia effettuata entro il 30 giugno.

I codici da utilizzare variano in base alla fattispecie agevolata in cui rientra l’assunzione. Sulla base delle indicazioni fornite dall’INPS, la retribuzione erogata e la contribuzione dovuta per l’assunzione agevolata devono essere esposti in misura piena nella sezione individuale della denuncia, salvo poi valorizzare l’elemento incentivo con l’importo del beneficio spettante.

Soltanto nel caso delle aziende agricole la tariffazione sarà predisposta dall’INPS, sulla base degli elementi riportati nel DMAG, senza che sia necessario, vista la periodicità trimestrale, operare alcun recupero di importi arretrati.

Caratteri generali dell’agevolazione

L’esonero contributivo in oggetto spetta a condizione che l’assunzione con contratto di lavoro subordinato riguardi soggetti che non abbianocompiuto il trentacinquesimo anno di età e non siano stati occupati a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro nel corso dell’intera vita lavorativa.

La misura dell’incentivo è pari al 50% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di 3.000 euro su base annua, da riparametrare e applicare su base mensile. La durata del beneficio è pari a trentasei mesi a partire dalla data di assunzione.

La medesima agevolazione può essere riconosciuta:

  • per un periodo di 12 mesi nelle ipotesi di mantenimento in servizio, decorrente dal 1° gennaio 2018, del lavoratore al termine del periodo di apprendistato, a condizione che il lavoratore, al momento del mantenimento in servizio, non abbia compiuto il trentesimo anno di età;
  • nella misura del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, nelle ipotesi in cui le assunzioni a tempo indeterminato riguardino giovani che, nei sei mesi precedenti, abbiano svolto presso il medesimo datore di lavoro attività di alternanza scuola-lavoro o periodi di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore, il certificato di specializzazione tecnica superiore o periodi di apprendistato in alta formazione.

Si tratta di un beneficio strutturale, che non rientra nella disciplina de minimis ma limitato nella misura e nel limite massimo fruibile.

Esposizione in UniEmens

La compilazione della denuncia contributiva varia in base alla tipologia di beneficio applicato:

A) sgravio al 50%: all’interno di “DenunciaIndividuale”, “DatiRetributivi”, elemento “Incentivo”:

  • nell’elemento “TipoIncentivo” deve essere inserito il valore GECO
  • nell’elemento “CodEnteFinanziatore” deve essere inserito il valore H00 (Stato)
  • nell’elemento “ImportoCorrIncentivo” deve essere indicato l’importo posto a conguaglio relativo al mese corrente
  • nell’elemento “ImportoArrIncentivo” deve essere indicato l’importo dell’esonero contributivo relativo ai mesi di competenza di gennaio e febbraio 2018.

I dati esposti in UniEmens confluiranno nel DM10 virtuale:

  • con il codice L472 per il contributo corrente
  • con il codice L473 per il contributo arretrato.

B) Mantenimento in servizio al termine del periodo di apprendistato, all’interno di “DenunciaIndividuale”, “DatiRetributivi”, elemento “Incentivo”:

  • nell’elemento “TipoIncentivo” deve essere inserito il valore GAPP
  • nell’elemento “CodEnteFinanziatore” deve essere inserito il valore H00 (Stato);
  • nell’elemento “ImportoCorrIncentivo” deve essere indicato l’importo posto a conguaglio relativo al mese corrente;
  • nell’elemento “ImportoArrIncentivo” deve essere indicato l’importo dell’esonero contributivo relativo ai mesi di competenza di gennaio e febbraio 2018.

I dati esposti in UniEmens confluiranno nel DM10 virtuale:

  • con il codice L474 per il contributo corrente;
  • con il codice L475 per il contributo arretrato.

C) Assunzioni o trasformazioni post alternanza o apprendistato non professionalizzante, all’interno di “DenunciaIndividuale”, “DatiRetributivi”,elemento “Incentivo”:

  • nell’elemento “TipoIncentivo” deve essere inserito il valore GALT;
  • nell’elemento “CodEnteFinanziatore” deve essere inserito il valore H00 (Stato);
  • nell’elemento “ImportoCorrIncentivo” deve essere indicato l’importo posto a conguaglio relativo al mese corrente;
  • nell’elemento “ImportoArrIncentivo” deve essere indicato l’importo dell’esonero contributivo relativo ai mesi di competenza di gennaio e febbraio 2018.

I dati esposti in UniEmens confluiranno nel DM10 virtuale:

  • con il codice L476 per il contributo corrente;
  • con il codice L477 per il contributo arretrato

Esposizione in DMAG

I datori di lavoro agricolo per usufruire dell’esonero relativo ad ogni lavoratore in possesso dei requisiti previsti dalla norma, devono riportare nel flusso DMAG oltre ai consueti dati retributivi utili per la tariffazione, i seguenti dati in base alla tipologia di beneficio applicato:

Esonero contributivo al 50%:

  • nel campo Tipo Retribuzione il valore Y
  • nel campo “CODAGIO” il valore E7.

Mantenimento in servizio al termine del periodo di apprendistato

  • nel campo Tipo Retribuzione il valore Y
  • nel campo “CODAGIO” il valore E8.

Esposizione in ListaPosPA

L’eventuale recupero dei contributi relativi ai mesi di gennaio e febbraio 2018 potrà essere effettuato valorizzando i predetti elementi esclusivamente nei flussi UniEmens – ListaPosPA di competenza di marzo, aprile e maggio 2018.

Esonero contributivo al 50%:

  • nell’elemento “AnnoRif” l’Anno di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “MeseRif” il Mese di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “CodiceRecupero” il valore A
  • nell’elemento “Importo” l’importo del contributo oggetto dello sgravio.

Mantenimento in servizio al termine del periodo di apprendistato:

  • nell’elemento “AnnoRif” l’Anno di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “MeseRif” il Mese di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “CodiceRecupero” il valore B
  • nell’elemento “Importo” l’importo del contributo oggetto dello sgravio.

Assunzioni o trasformazioni post alternanza o apprendistato non professionalizzante:

  • nell’elemento “AnnoRif” l’Anno di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “MeseRif” il Mese di riferimento dello sgravio
  • nell’elemento “CodiceRecupero” il valore C
  • nell’elemento “Importo” l’importo del contributo oggetto dello sgravio.

(Fonte IPSOA)