Home News Coronavirus: Unimpresa, al via piano formazione a distanza per “fase 2”

Coronavirus: Unimpresa, al via piano formazione a distanza per “fase 2”

965
0

Iniziativa realizzata, in tandem con CONF.A.I.L., attraverso l’ente bilaterale Ebinforma. Il presidente Ferrara: «Torneremo a lavorare in un contesto diverso, informazione e formazione saranno un valore essenziale»

Percorsi formativi ad hoc rivolti, nella logica della bilateralità, sia alle imprese sia ai lavoratori, con l’obiettivo di accompagnare la ripresa dell’economia italiana appena si entrerà nella “fase due” di progressiva riapertura del Paese e delle attività produttive, dopo l’emergenza legata al Covid-19. Questo l’obiettivo di un progetto realizzato dall’ente bilaterale EBINFORMA insieme con UNIMPRESA e CONF.A.I.L.. Gli strumenti di formazione a distanza sono disponibili su una piattaforma di e-learning accessibile sul sito www.ebinforma.it: basta una registrazione e il contenuto è fruibile da tutti le categorie di utenti, anche diversamente abili (non udenti e non vedenti).  «La cosiddetta fase due, la tanto attesa riapertura graduale, pone molte domande e molte criticità. Torneremo a lavorare in un contesto diverso dove la sicurezza e la protezione dovranno far fronte alla necessità di salvaguardare la collettività per scongiurare una ripresa dei contagi» commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, secondo cui si tratterà di «una fase delicata che condizionerà il futuro e la stessa sopravvivenza socio-economica del Paese, ragion per cui, in questo scenario, informazione e formazione diventano ancor più un valore essenziale per garantire la certezza di fare la cosa giusta nel modo giusto».

Fruire della novità è semplice: i tutor della formazione a distanza supporteranno costantemente l’attività garantendo il funzionamento e la semplicità del sistema. Sul sito www.ebinforma.it e su quello www.unimpresa.it è già disponibile un video con una lunga serie di indicazioni utili sui comportamenti da seguire giornalmente per il contenimento del Covid-19, accompagnati da alcune informazioni sul virus. Le indicazioni riguardano l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (gel disinfettanti, guanti, mascherine) e alcune accortezze suddivise per attività commerciali, magazzini, imprese sia per i lavoratori sia per i locali aperti al pubblico e le zone comuni. Le indicazioni riguardano anche i rapporti con la clientela in particolare per quanto riguarda il rispetto delle distanze minimi, i controlli, i verbali. 

«Fare chiarezza ed evitare che nelle fasi successive la confusione possa pregiudicare il sistema economico è il nostro obiettivo e il contributo che desideriamo dare al Paese» osserva il presidente di Unimpresa. Secondo Ferrara «scongiurare sia il pericolo di incorrere in difficoltà dovute a una non conoscenza dei termini della ripresa sia il pericolo di rimanere vittime di speculazioni a opera di sciacalli pronti ad approfittare della situazione è una responsabilità a cui le associazioni datoriali e sindacali devono rispondere. È una sfida che Ebinforma, Unimpresa e Confail, hanno raccolto rendendo disponibili gli strumenti di conoscenza per essere pronti e preparati alla ripresa».