Home News Decontribuzione Sud e quattordicesima: chiarimenti

Decontribuzione Sud e quattordicesima: chiarimenti

60
0

La legge di bilancio 2021, al fine di contenere gli effetti sull’occupazione determinati dall’epidemia da Covid-19 in aree caratterizzate da gravi situazioni di disagio socioeconomico, ha previsto che l’esonero contributivo di cui all’articolo 27, comma 1, decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, si applichi fino al 31 dicembre 2029.

Le regioni che rientrano nel beneficio sono l’Abruzzo, la Basilicata, la Calabria, la Campania, il Molise, la Puglia, la Sardegna e la Sicilia.

La percentuale di contribuzione oggetto dello sgravio datoriale è pari:

  • al 30% fino al 31 dicembre 2025;
  • al 20% per il 2026 e il 2027;
  • al 10% per il 2028 e il 2029.

Con il messaggio 28 giugno 2021, n. 2434 si forniscono chiarimenti in merito alla possibilità di fruire della Decontribuzione Sud anche sulle mensilità aggiuntive erogate nell’anno in corso.

La misura, riferita all’intero 2021, può trovare applicazione indipendentemente dalla competenza temporale della maturazione dei ratei. Pertanto, con specifico riferimento alla quattordicesima mensilità, la Decontribuzione Sud può trovare applicazione, nella percentuale del 30%, anche per gli eventuali ratei maturati durante il 2020, purché l’erogazione avvenga nel 2021.

Fonte INPS.it